banner
banner
banner

 

via degli Uffici del Vicario, 30
00186 Roma, Italia

Tel. 06.6786810
Fax 06.6784442
P.I. 04113981007

Home Page
Contattaci

Gli Ambiti Di Attività
    Il Servizio Di Monitoraggio Normativo
    La Formazione Specialistica
    Convegni e Seminari
    Le Riviste

Piazza di Montecitorio
Uno studio storico urbanistico
    Tavola A
    Tavola B

ROMA, Piazza di Montecitorio

Uno studio storico urbanistico realizzato per la RISL da Marcella Morlacchi, Professore Associato di Disegno presso le FacoltÓ di Architettura di Pescara, UniversitÓ degli Studi G. D'Annunzio (Chieti) e Roma "La Sapienza""

La storia L'Ambiente Urbano Il Rilevamento Cromatico La Metodologia Il lavoro svolto

La storia (Sintesi Cronologica)

140-190 d.C. Epoca degli Antonini. È in via di sistemazione monumentale la zona gravitante sull'asse della via lata (via del Corso)
273 d.C. Aureliano costruisce il tempio del Sole gravitante fino sull'area dell'attuale Piazza S. Silvestro.
500-600 d.C. Nella zona risulta operante un monastero di monache orientali (che darà luogo al monastero benedettino di S. Maria in Campo Marzio) e la piccola chiesa di S. Biagio de Monte, sulla attuale via della Missione.
1457 Costruzione del complesso edilizio dei Capranica verso S. Maria in Aquiro.
1536 Vicino alla Chiesa di S. Biagio è presente il Palazzo Gaddi, poi Soderini.
1540 Il Card. De Cupis fonda la Confraternita degli Orfani (attuale Colonna Palace Hotel).
1558 Papa Paolo IV Carafa istituisce il Vicariato, nominando Vicario il Card. Virgilio Rosari. I relativi uffici vengono sistemati nell'isolato che prospetta su via degli Uffici del Vicario.
1570 Nella Chiesa di S. Biagio si insediano i padri Comaschi.
1571 Palazzo Gaddi è acquistato dal Cardinale Cesi. Gregorio XIII realizza a Piazza Colonna la fontana del Della Porta.
1584 Palazzo Gaddi è acquistato dal Card. Santoro, per ordine del quale Francesco da Volterra vi realizza la fontana segnalata nella pianta del Falda nel 1591.
1602 Gli eredi del card. Santoro cedono ai padri Somaschi parte della proprietà Gaddi.
1613 Palazzo Gaddi è acquistato dal card. Luigi Capponi.
1653 Il card. Capponi cede la proprietà al principe Ludovisi, nipote di Papa Innocenzo X Pamphili; Gianlorenzo Bernini ha l'incarico del progetto del Palazzo di Montecitorio, quale seconda residenza papale, successiva a quella di Palazzo Pamphili a Piazza Navona. Il Bernini organizza tutta l'attuale geometria del Palazzo collegando il fronte orizzontale sulla Piazza all'allineamento del fronte della chiesetta si S. Biagio che ingloba nel Palazzo.
1655 Muore Innocenzo X - Arresto dei lavori.
1659 Papa Alessandro VII Chigi permette al principe Ludovisi di acquistare la Chiesa di S. Paolo e la Casa dei Barnabiti nel complesso edilizio tra Piazza Colonna e Piazza Montecitorio, ed acquista il Palazzo Aldobrandini a Piazza Colonna.
1691 Innocenzo XII incarica Carlo Fontana di completare la costruzione del Palazzo Ludovisi (attuale Palazzo di Montecitorio, destinandolo prima a Ospizio dei Poveri e poi a sede della Curia Innocenziana (Palazzo di Giustizia).
1694 Il Fontata esegue il rilievo dello stato di fatto del Palazzo Ludovisi, e sviluppa il progetto proponendo per lo spazio antistante una grande piazza semicircolare e la sistemazione in asse della Colonna Citatoria.
1695 Viene demolita la chiesetta di S. Biagio ed è forgiata la campana maggiore del coronamento del Palazzo.
1703 Viene alla luce la base della Colonna Antonina.
1708 Carlo Fontana presenta la nuova versione del progetto del Palazzo.
1734 Per ordine di Clemente XII si inizia la sistemazione della Piazza, con demolizione ed espropi di case e rettifica degli allineamenti.
1741 In un negozio sulla Piazza Montecitorio per ordine del Papa si inizia la vendita della carta bollata.
1743 È istituta "l'Impresa del lotto" in via dell'Impresa: i numeri del lotto vengono estratti e comunicati dal balcone del Palazzo Montecitorio.
1792 Per ordine di papa Pio VI Braschi viene eretto dall'arch. Antinori al centro della Piazza l'obelisco di Psammetico Il' (estratto dal terreno sottostante all'edificio Conti) che Augusto da Eliopoli aveva destinato a gniomone della grande meridiana di marmo che giungeva al limite dell'attuale Piazza di S. Lorenzo in Lucina; sul coronamento bronzeo dell'obelisco sono apposti gli emblemi dei Braschi.
1800 Dai primi anni del secolo la campana maggiore del Palazzo, segnala l'orario di apertura degli uffici e delle scuole.
1870 Presa di Roma: la Curia si trasforma negli Uffici del Governatore di Roma.
1871 Inaugurazione della Camera dei Deputati (Aula Corrotto).
1883 Nell'Almanacco Romano l'attuale Via degli Uffici del Vicario Ŕ chiamata "Via degli Uffici dell'Eminentissimo Vicario".
1903 L'arch. Ernesto Basile presenta il progetto per la nuova aula per la Camera dei Deputati e per la sistemazione definitiva del Palazzo di Montecitorio.
1907 Ritrovamento dei resti dell'Ustrinum a seguito della demolizione del Palazzo della Impresa per l'ampliamento della Camera.
1918 Inaugurazione ufficiale della nuova Aula.
1946 Nel salone della Lupa viene proclamato l'esito de l Referendum per la fondazione della Repubblica.